Una tecnica di procreazione medicalmente assistita

Procreazione assistita, ecco cosa è cambiato in 25 anni

Raffaele Nespoli
 

Venticinque anni fa la prima procedura di procreazione medicalmente assistita (in particolare la Icsi) ideata e introdotta nel 1992 nella pratica clinica. Ora gli esperti si danno appuntamento a Caserta, a San Leucio, per fare il punto sulle nuove metodiche e sui progressi che permettono a tante coppie di superare lo scoglio dell’infertilità e di costruire una famiglia. Ma come funziona la procreazione medicalmente assistita? Una delle metodiche più avanzate consiste nel praticare un’iniezione «intracitoplasmatica» dello spermatozoo (in inglese Intracytoplasmatic Sperm Injection), che si effettua direttamente nel citoplasma ovocitario. Non è un procedimento doloroso e si riesce così a superare molti degli scogli che si frappongono all’applicazione delle altre tecniche di fertilizzazione in vitro aumentando considerevolmente le percentuali di successo riproduttivo nelle coppie che hanno difficoltà ad avere un bambino.

Rendez vous campano

Il pioniere di quella tecnica, Gianpiero Palermo, responsabile del centro di medicina riproduttiva Cornell Universitydi New York, sarà in Campania il 7 e 8 luglio al Belvedere di San Leucio insieme ai massimi studiosi italiani e internazionali di tecnologie per la riproduzione umana, ospiti di una Conferenza di altissimo livello scientifico promossa da Genesis Day surgery Iatropolis Caserta. Tra gli esperti che si ritroveranno a San Leucio anche Yves Menezo, altro pioniere nelle colture embrionali noto in tutta Europa, lo specialista indiano Satish Adiga, Richard Anderson di Edinburgo, lo svizzero Jean Marie Wenger e gli italiani Gerardo Catapano, Gianni Baldini e Csilla Krausz dell’Università di Firenze, Maria Giulia Minasi da Roma, Liborio Stuppia da Chieti oltre a molti esperti universitari campani.

Le innovazioni

La direzione scientifica dell’appuntamento è affidata a Raffaele Ferraro responsabile della struttura clinica e di ricerca di Caserta e a Riccardo Talevi, responsabile del dipartimento di Biologia dell’Università Federico II e a capo del team scientifico di Genesis day surgery Iatropolis Caserta. «Qui a Caserta, soprattutto negli ultimi 5 anni, abbiamo avuto un ottimo incremento di cicli di Pma. La Icsi – prosegue Talevi – è stata una svolta per consentire la fertilizzazione anche a chi aveva pochissimi spermatozoi. Oggi, dopo anni di standardizzazione delle metodiche i fari sono puntati su nuovi percorsi e tecnologie che vanno dalla preservazione della fertilità in pazienti oncologici ai nuovi scenari disegnati dalla crioconservazione di spermatozoi e ovocellule, alle tecniche di selezione dei gameti più adatti a sostenere lo sviluppo embrionale, al monitoraggio computerizzato dei primi stadi di sviluppo». Ricerca di base, conoscenze biologiche, alte tecnologie sono le basi dei nuovi sistemi di coltura in vitro di tessuto ovarico utile nella preservazione della fertilità nei pazienti oncologici che aprono la strada alla follicologenesi in vitro.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un Commento