Screening Un laboratorio per la ricerca genetica contro il tumore

Screening anticancro: sono i piemontesi i pazienti che fanno più prevenzione

Francesca Forzan
Categorie: News Brevi
 

Prevenire è meglio che curare, e i piemontesi l’hanno capito bene. Secondo il report annuale sugli screening anticancro in Piemonte “Prevenzione Serena. Risultati, attualità ricerca”, realizzato dal Centro di Riferimento per l’Epidemiologia e la Prevenzione Oncologica in Piemonte (CPO), l’adesione degli abitanti di questa regione ai controlli gratuiti di Prevenzione Serena, anche se molto lentamente, cresce ogni anno.

La rilevazione ha preso in esame i risultati derivati dagli screening del tumore della mammella, del collo dell’utero e del colon-retto realizzati nel 2014. Secondo questi dati, in un anno le donne richiamate per ulteriori accertamenti per un sospetto tumore al seno sono state 5.806 mentre i tumori benigni individuati sono stati 216 e 1.194 quelli maligni. Nello stesso anno, lo screening al collo dell’utero ha permesso di accertare 475 lesioni precancerose di alto grado e 12 tumori invasivi. I controlli invece del colon-retto, hanno consentito di scoprire 548 adenomi avanzati, che sono il segnale della presenza di un tumore colon-rettale, e 28 cancri.

Numeri che possono far paura ma che dimostrano anche che lo screening può davvero salvare la vita. Infatti, per i cittadini che hanno risposto all’invito a presentarsi per la sigmoidoscopia flessibile (esame eseguito per valutare la parte inferiore dell’intestino crasso), dopo 10 anni il rischio di avere un tumore al colon-retto è stato ridotto di un terzo rispetto all’incidenza attesa. Incidenza che per il tumore alla mammella, invece, resta pressoché inalterata ma che, con lo screening e un intervento precoce a seguito di una diagnosi negativa, ha consentito un calo notevole del tasso di mortalità.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

  • Tumore al seno: cosa insegna Città di CastelloTumore al seno: cosa insegna Città di Castello Tumore al seno: l’Ospedale di Città di Castello della USL Umbria 1, grazie all’elevato numero di pazienti già trattati con la tecnica IORT, può rappresentare un modello in Italia. La […]
  • Cancro al seno: il 30% ha meno di 50 anniCancro al seno: il 30% ha meno di 50 anni Il 30 per cento delle donne italiane a cui è stato diagnosticato un tumore al seno ha meno di 50 anni. La parola d'ordine è sempre prevenzione, soltanto con un controllo si può evitare, […]
  • Screening per tumore, «aboliamo il ticket»Screening per tumore, «aboliamo il ticket» La regione Campania deve fare un nuovo cambio di passo: «Ambulatori assistenziali per ammalati di tumore aperti anche nel fine settimana. E gestiti da medici di medicina generale, assieme […]
  • Tumori: il 40% si può prevenire. Le regole di AiomTumori: il 40% si può prevenire. Le regole di Aiom Il 40% dei tumori si può prevenire. Le principali misure da adottare secondo l'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) sono almeno nove. NO AL FUMO: il 25-30% di tutti i […]

Lascia un Commento