Prevenzione e vaccinazione. La longevità si conquista

Prevenzione e vaccinazione. La longevità si conquista.

Categorie: Anziani
 

Non si tratta della buona sorte o del risultato del progresso scientifico: una vita lunga e in buona salute è una conquista personale. Sulla longevità, la genetica incide non più del 20-25 per cento. Insomma, ogni persona può fare moltissimo per vivere a lungo e in salute, fisica e mentale. La prevenzione parte da semplici e spesso impegnativi comportamenti quotidiani.
Non solo. Vaccinarsi è il più semplice e potente strumento per un invecchiamento in salute: consente di contrastare le malattie infettive più temibili nella terza età – influenza, polmonite pneumococcica e Fuoco di Sant’Antonio – ed i rischi ad esse correlati.
Se ne parlerà al Teatro Massimo di Palermo il 9 ottobre. Italia Longeva riunirà cittadini, esperti e testimonial per un confronto sull’importanza della prevenzione, come presupposto della longevità. “Un talk show – si legge nella nota – per imparare insieme a vivere da protagonisti il passare degli anni ed essere consapevoli delle opportunità di immunizzazione oggi disponibili in Sicilia, regione fra le più sensibili al tema della salute degli anziani e fra le prime ad aver introdotto la gratuità dei vaccini per gli over 65”. Saranno presenti Roberto Bernabei, presidente di Italia Longeva e direttore del dipartimento di Geriatria della Fondazione Universitaria Policlinico A. Gemelli, la giornalista Marina Turco e il giornalista e scrittore Roberto Alajmo, l’assessore regionale alla salute Baldassare Gucciardi, il direttore regionale del Ministero della Salute Claudio Pulvirenti, il direttore dell’Osservatorio epidemiologico regionale Salvatore Giglione  ed altri rappresentanti delle istituzioni sanitarie e della comunità medico-scientifica. L’appuntamento è aperto a tutti i cittadini e si concluderà con un momento conviviale. Sul sito è possibile scaricare il programma e iscriversi all’evento.

 

 

promuoviamo salute

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un Commento