Ora è scientifico: la gente ama di più i cani delle altre persone. Nella foto un cane da la zampa alla padrona

Ora è scientifico: la gente ama di più i cani delle altre persone

Categorie: Psicologia
 

In genere è un modo di dire, ma ora uno studio certifica che le persone amano i cani più delle persone stesse, perché riescono a immedesimarsi meglio nei propri animali domestici che non nei familiari.
La ricerca scientifica – intitolata “Are People More Disturbed by Dog or Human Suffering?” (Le persone vengono colpite maggiormente dalla sofferenza canina o umana?) pubblicata sulla rivista di settore Society & Animals – è stata elaborata su un campione di 240 ragazzi, a cui sono state sottoposte false notizie su violente aggressioni.
A ognuno dei partecipanti sono stati fatti leggere articoli di giornale in cui la vittima dell’attacco era o un bambino di un anno, o un adulto di 30 anni, o un cucciolo di cane o ancora un cane adulto di 6 anni. Tutti i 240 soggetti hanno espresso i loro sentimenti e misurato il loro grado di empatia con le vittime. I risultati mostrano che il più alto livello di compartecipazione emotiva si è svilippato nei casi in cui le vittime erano i cani o il bambino, mentre meno empatia è stata provata per il 30enne umano.

Il cane adulto (non il cucciolo), invece, ha registrano un minor grado di empatia solamente quando la sua aggressione è stata messa in paragone con quella del bambino di dodici mesi. Nei risultati della ricerca gli studiosi hanno commentato spiegando che: gli intervistati non considerano i cani come un animale”  – bensì come bambini ‘pelosi'”.

promuoviamo salute

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Lascia un Commento