Diabete, apparecchi per la misurazione della glicemia

In Lombardia si lotta contro il diabete

Francesca Forzan
Categorie: Prevenzione
 

Banchi informativi, depliant esplicativi, screenign gratuiti, appuntamenti e incontri con medici, infermieri, personale sanitario specializzato. Questo e molto altro, per un totale di 1200 eventi, è stato organizzato dal 7 al 13 novembre in quasi 500 città d’Italia in occasione della “Giornata mondiale del Diabete 2016”. Giunta quest’anno all’undicesima edizione, questa giornata viene organizzata nel nostro Paese da 14 anni dall’associazione Diabete Italia Onlus per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sulla prevenzione e gestione di questa malattia. La giornata è stata istituita istituita dall’International Diabetes Federation e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1991 e viene celebrata il 14 novembre.

In Lombardia, regione che ha preso parte attivamente alla manifestazione, circa il 6% degli abitanti  è colpito dal diabete; dei 580.000 diabetici, 430.000 sono casi conclamati e 150.000 quelli che invece non sanno di averlo. Secondo i dati forniti dall’assessore al Welfare Giulio Gallera, questa è una delle patologie croniche più diffuse sul territorio e comporta costi altissimi soprattutto perché è una malattia che tende a generare complicanze a lungo termine e perché tende a colpire sempre più frequentemente i giovani. In Lombardia il 90% dei malati assume medicinali e un paziente costa al servizio sanitario regionale 3000 euro ogni anno. Una cifra che può arrivare anche a 36 mila euro quando vi siano complicanze.

Secondo quanto riferito da Gallera, l’obiettivo della legge di riforma del sistema socio sanitario lombardo è proprio quello di rivolgere maggiore attenzione ai malati cronici, in particolari a quelli affetti da diabete passando dalla “semplice” cura del paziente ad un’assistenza che inizi con la prevenzione e che sostenga il malato durante l’intero percorso sanitario: dalla prevenzione, alla cura, anche negli stadi più difficili della malattia.In questo modo sarebbe garantito anche un importante risparmio economico.
Sono 415 milioni le persone adulte nel mondo affette da diabete e le stime parlano di 640 milioni entro il 2040.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Lascia un Commento