Startup made in Italy incontrano investitori al BioInItaly Investment Forum

Startup made in Italy incontrano investitori al BioInItaly Investment Forum

Sofia Gorgoni
 

Device capaci a rendere più tollerabili i trattamenti chemioterapici o in grado di riprodurre microambienti fisiologici per test in laboratorio; nuovi possibili trattamenti contro la fibrosi cistica; prodotti cosmetici con ingredienti funzionali che combinano innovazione, sicurezza e rispetto dell’ambiente; terapie geniche contro l’iperlipidemia e ancora organi miniaturizzati realizzati attraverso le colture cellulari, così come soluzioni contro le infezioni virali, micro-sfere biodegradabili contro l’artrite fino a sistemi di monitoraggio da remoto di alcuni parametri vitali dei pazienti. Sono questi alcuni dei 15 progetti selezionati per l’edizione 2018 del BioInItaly investment Forum & Intesa Sanpaolo startup initiative: una due giorni che permette alle startupinnovative biotecnologiche e ai loro progetti di ricerca di incontrare investitori provenienti da tutto il mondo.

Dalla prima edizione a oggi la manifestazione ha permesso di raccogliere oltre 43 milioni di euro per finanziare startup innovative nazionali, selezionate tra più di 500 progetti e grazie alla partecipazione di oltre 1600 tra aziende e investitori ai 10 Investment Forum organizzati in questi anni. – spiega Riccardo Palmisano, Presidente di Assobiotec, Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie che fa parte di Federchimica –  Numeri sempre in crescita, che testimoniano quanto sia apprezzata l’Italia capace di nuove idee e di una ricerca di alto livello. Un’Italia delle idee che bisogna aiutare nel processo di trasformazione della ricerca in prodotti e brevetti, sostenendone e accompagnandone lo sviluppo.

L’edizione di quest’anno del BioInItaly Investment Forum & Intesa Sanpaolo StartUp Initiative è iniziata a gennaio con l’organizzazione di un roadshow nazionale per la raccolta di progetti e candidature ed è proseguita, per una ventina di realtà selezionate, attraverso un percorso formativo presso Fondazione Filarete con il coach Bill Barber, investitore californiano che segue la StartUp Initiative di Intesa Sanpaolo. A conclusione i protagonisti sono stati chiamati a simulare la loro presentazione nel deal-line up di fronte a una platea di panelist selezionati fra investitori finanziari, esperti di settore e manager di impresa. Al termine di questo articolato viaggio: 15 promettenti finaliste (8 biotech e 7 healthcare e biomedicale) che oggi accedono all’Investment Forum di Milano presentando il proprio progetto e business plan agli investitori.

 

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare