Thailandia, il trauma dei bambini

Thailandia, «ora cancelliamo il trauma dalla memoria»

Categorie: Psicologia
 

Per i piccoli giocatori di calcio della Thailandia il miracolo si è compiuto, tutti sono salvi, ma ora è importante cercare di evitare che il trauma si fissi nella memoria. Per Claudio Mencacci, past president della Società italiana di psichiatria, si devono attivare il prima possibile le terapie psicologiche focalizzate sul trauma, e non costringere i ragazzi a dormire. «Indurre il sonno infatti può fissare di più nella memoria il trauma, mentre farli parlare può aiutare a ridurre la “fissazione” e “sciogliere” più facilmente le esperienze stressanti che hanno vissuto».

Stress post traumatico

Le terapie da impiegare in questo caso, quelle che servono a evitare che compaia il disturbo da stress post-traumatico, sono di tipo cognitivo-comportamentale e «si basano sul riesporre la persona agli stessi elementi che hanno generato l’esperienza traumatica, ma in situazioni controllate», spiega lo psichiatra. In questo modo si desensibilizza la persona dall’evento traumatico e dalle sensazioni generate, come l’essersi sentiti impotenti o colpevoli per tutte le conseguenze provocate dalla situazione. Se si agisce rapidamente con questo tipo di terapia, e in alcuni casi con antidepressivi, «le conseguenze di quest’esperienza e il rischio di un trauma da stress si riducono di un terzo – continua Mencacci – Importante è la rapidità e l’efficacia dell’intervento». Indubbiamente, quello di essere un gruppo unito, una squadra, con un adulto «che ha svolto un ruolo di contenimento dell’esperienza, non solo dell’angoscia, ma di tutte le altre condizioni di morte, è stato di aiuto». E proprio il giovane allenatore dei ragazzi, secondo Mencacci, ha mostrato di «saper mettere in atto le strategie più adulte e di saper gestire la propria ansia per aiutare i ragazzi. Anche per lui servirà questo tipo di terapia».

Sensi di colpa

Facile comprendere quali pensieri si siano affollato nella mente del giovane allenatore in questi di attesa e di angoscia. Del resto, non solo la situazione di pericolo è nata per una sua decisione incauta, ma c’è anche una vittima in questa storia. Non ci si deve dimenticare infatti che un soccorritore ha perso la vita nel tentativo di raggiungere i ragazzi e questo, senza dubbio, peserà sulla coscienza dell’allenatore. Unico sollievo, quello di essere uscito dalla grotta assieme a tutti i bambini, e la consapevolezza di aver ricevuto il perdono delle famiglie. Cosa accadrà sul piano della giustizia è tutto da vedere.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare