Una foto del giovane Krtin Nithiyanandam

Cancro al seno, a 16 anni scopre come curarlo

Redazione
 

Un ragazzo di 16 anni, un laboratorio scolastico e l’annuncio di una scoperta sensazionale per sconfiggere il tumore del seno. Sono questi gli ingredienti di una storia che sta facendo il giro del mondo.  Krtin Nithiyanandam, questo il nome del piccolo genio di origini indiane che da anni vive e studia a Londra, ha annunciato di aver trovato nel laboratorio di scienze della sua della sua scuola il modo di «silenziare i geni che producono ID4», mettendo al tappeto una forma gravissima di tumore al seno. Così facendo, infatti, il tumore si trasforma in uno stadio meno insidioso.

Google Science Fair

Sulla questione non ci sono stati ancora passi ufficiali da parte della comunità scientifica internazionale, ma sono in molti a credere che l’annuncio possa avere solide fondamenta.  Krtin Nithiyanandam non è infatti un adolescente come gli altri, il ragazzo ha già fatto parlare di se un anno quando ha vinto il “Google Science Fair” realizzando un test svela-Alzheimer che ha lasciato a bocca aperta molti affermati ricercatori.

Immagine anteprima YouTube

Intervistato dal The Independent, Krtin non ha nascosto la sua speranza di poter ricevere un supporto dalla comunità scientifica così da poter trasformare in realtà quella che per ora è solo un’intuizione. Sino ad oggi il ragazzo ha infatti potuto utilizzare solo le modeste apparecchiature del laboratorio scolastico.

L’idea è di Krtin Nithiyanandam è quella poter trasformare il cancro al seno triplo negativo in una forma che risponde ai trattamenti. Il triplo negativo ricomprende il 15% circa di tutti i tumori della mammella e la sua insorgenza può essere legata ad un’alterazione a carico del gene Brca 1 o 2. Ovviamente, come detto, questa è una scoperta ancora tutta da verificare, ma se realmente le intuizioni del giovane Krtin fossero corrette  è chiaro che  si aprirebbero nuove speranze per moltissime donne che oggi non hanno prospettive valide di cura.

 

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare