anziani

A 111 anni sopravvive all’intervento, ora sta bene

Categorie: News Brevi
Tags: - - -
 

Quando è nata non esisteva neanche la plastica, oggi Renata ha 111 anni e da qualche giorno si è lasciata alle spalle un intervento di chirurgia maxillo-facciale. Questa storia incredibile arriva da Cesena e sta facendo, comprensibilmente, il giro del web. L’operazione è stata realizzata all’ospedale Bufalini dove Renata, classe 1906, è stata operata dal dottor Massimo Bassi e dal dottor Pier Renato Giacomini, chirurghi dell’equipe diretta dal dottor Angelo Campabassi, per l’asportazione di un carcinoma cutaneo sulla fronte che le aveva eroso la teca cranica provocando ulcere e sanguinamento dolorosi.

Operazione straordinaria

Per il dottor Campobassi «interventi di questo genere sono piuttosto frequenti ma diventano rari quando si effettuano su pazienti con una età così avanzata. Il buon esito dell’operazione, che ha comportato anche la ricostruzione dei tessuti, è stato possibile grazie alla preziosa collaborazione dei colleghi anestesisti dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione e alle discrete condizioni generali di salute dell’anziana paziente che dopo un breve periodo di ricovero è stata dimessa».

Il web si commuove

Altra storia commuovente, che riguarda sempre un anziano paziente, è quella che arriva da Marina di Carrara e tutto ruota attorno alla foto di un’ambulanza con i portelloni aperti verso la distesa d’acqua. Mentre veniva trasferito dalla Toscana in Canavese per ragioni di salute, un ottantottenne ha chiesto di «vedere il mare per l’ultima volta» ed è stato accontentato. L’ambulanza che lo trasportava si è fermata sulla spiaggia. A esaudire il desiderio dell’uomo è stato un equipaggio della Croce Rossa di Ivrea (Torino) dopo avere interpellato la famiglia. Il mezzo è stato fermato su uno spiazzo che si affaccia sulla spiaggia. Quindi gli operatori hanno spalancato il portellone, permettendo all’ottantottenne di guardare il mare. Storie che commuovono e che trasmettono il senso stesso del “prendersi cura”, qualcosa che non andrebbe mai dimenticato.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare