antipatia

Antipatia, essere gentili con gli altri aiuta

Categorie: News
 

L’antipatia di può curare. A rivelarlo, anche se in maniera indiretta, è uno studio realizzato dall’Università di York e pubblicato sulla rivista Translational Issues in Psychological Science. La medicina contro l’ antipatia non si trova però nelle farmacie e non si può comprare on line, è qualcosa che solo l’antipatico può trovare dentro di sé. Cosa? L’empatia. Già, non è una banalità e lo studio ha un solido fondamento scientifico. Stando ai risultati ottenuti «più sono sgradevoli e poco gentili, e più farebbe loro bene comportarsi in modo compassionevole ed empatico verso gli altri.

Il rapporto con la depressione

Le persone con questo carattere sono anche quelle che più traggono beneficio, si sentono meglio e più soddisfatte se compiono atti di gentilezza verso chi gli è più vicino. Come detto, lo studio si è occupato n modo particolare del rapporto tra l’empatia di queste persone  e lo stato di depressione. Nella ricerca, condotta su 640 persone di 30anni moderatamente depresse, è stato chiesto ai volontari di partecipare a tre esercizi online di empatia, completandoli e mandando le risposte su una piattaforma online ogni giorno per 3 settimane. Due mesi più tardi si è visto che le persone antipatiche, che avevano fatto atti di gentilezza con le persone della depressione e aumento della soddisfazione nella propria vita. «Tutti hanno bisogno degli altri – commenta Myriam Mongrain, coordinatrice dello studio – Per via della loro ostilità e mancanza di cooperazione, le persone antipatiche e sgradevoli rischiano di essere rifiutate o ostracizzate. Le loro relazioni sono molto conflittuali e ne soffrono le conseguenze».

Netto miglioramento

Dar loro suggerimenti concreti in cui esprimere le loro preoccupazioni e interesse per gli altri si è rivelato estremamente utile. Le persone più sgradevoli spesso sono prive di empatia, anche nelle loro relazioni più strette. «Adottare questi nuovi comportamenti potrebbe averli fatti sentire affermati e apprezzati nel loro circolo sociale più stretto – continua – E questo può funzionare da antidepressivo per loro». I risultati sono tanto più apprezzabili, secondo i ricercatori, se si considera che gli interventi sono stati fatti online e richiedevano non più di 15 minuti al giorno. In altre parole, è un “metodo” facile da implementare, che può essere fatto ovunque e ha effetti profondi per un gruppo di persone, con applicazione pratica immediata.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare