Colleghi maleducati causano disturbi del sonno che coinvolgono il partner

Colleghi maleducati causano disturbi del sonno che coinvolgono il partner

Sofia Gorgoni
Categorie: Psicologia
 

Il lavoro impegna buona parte della nostra giornata e se un collega è maleducato le conseguenze si manifestano anche a casa. Tra i risvolti ci sono i disturbi del sonno, che arrivano a influenzare anche il partner. Lo dimostra il risultato di uno studio condotto dai ricercatori della Portland State University e della Università dell’Illinois, pubblicato sulla rivista Occupational Health Science. In pratica, se nella coppia uno dei due ha che fare con colleghi incivili, tende a casa a rimuginare di più e manifesta questo suo malessere attraverso l’insonnia. La conseguenza è che  non riesce ad addormentarsi oppure si trova a svegliarsi nel cuore della notte. 

I risvolti nella coppia  

La ricerca, però, è andata ben oltre, esaminando anche i disturbi del sonno nel partner. È emerso che anche l’altro è direttamente interessato, ma soltanto se la coppia lavora nella stessa azienda o se fa la stessa professione. Questo probabilmente perché entrambi conoscono il contesto in cui sono costretti a lavorare con le persone maleducate e potrebbero essere maggiormente coinvolti nel processo di risoluzione dei problemi. Lo studio è stato coordinato dalla ricercatrice Charlotte Fritz.

Cosa fare secondo gli esperti  

Per risolvere il disturbo del sonno i ricercatori propongono alle aziende di fare il possibile per promuovere politiche basate sulla tolleranza, anche attraverso una formazione. Tuttavia l’inciviltà altrui non è sempre controllabile, d’altronde i colleghi il più delle volte non li scegliamo noi. Il consiglio è quindi quello di distaccarsi mentalmente dal lavoro durante le ore non lavorative, trascorrendo tempo con la famiglia e gli amici e praticando qualche hobby. Tra le attività che, secondo molti studi, aiutano ad allontanare lo stress e ritrovare il benessere c’è la meditazione. 

 

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare