Donne più forti nel dolore rispetto agli uomini. La ricerca

Donne più forti nel dolore rispetto agli uomini. La ricerca

Sofia Gorgoni
Categorie: Psicologia
 

Le donne si dimostrano più forti nel dolore. A dirlo è uno studio canadese della McGill University e dell’Università di Toronto che è stato pubblicato su Current Biology. Secondo i ricercatori le donne ricordano meno gli episodi dolorosi della vita e, davanti al loro ripetersi, sono meno soggette allo stress. 

Lo studio

L’analisi ha sottolineato la differenza tra uomini e donne, mostrando come i maschi ricordano più chiaramente le loro precedenti esperienze dolorose. Lo studio mostra che risultavano più stressati e sensibili quando, ritornavano nel luogo in cui avevano vissuto lo stesso precedente momento negativo. Questo però non è emerso tra le donne. Secondo i ricercatori, questa scoperta potrebbe aiutare a scoprire nuovi trattamenti contro le forme croniche di dolore. “Abbiamo deciso di fare un esperimento sull’ipersensibilità al dolore nei topi e abbiamo trovato queste sorprendenti differenze nei livelli di stress tra topi maschi e femmine – spiega Jeffrey Mogil, uno dei ricercatori dello studio. “Così abbiamo deciso di estendere l’esperimento agli umani per vedere se i risultati fossero simili. Siamo rimasti sconvolti quando abbiamo visto che sembravano esserci le stesse differenze”.

L’esperimento

Gli esseri umani sono stati fatti entrare in una stanza dove sono stati sperimentati bassi livelli di dolore (attraverso il calore a un avambraccio). Dopo aver valutato il livello del dolore su una scala di 100 punti (per i topi è stato valutato il dolore per la velocità con cui si sono allontanati dalla fonte), è stata fatta aumentare l’intensità del dolore (e quindi del calore sull’avambraccio). Quando sono stati portati nella stessa stanza del test precedente, gli uomini hanno valutato il dolore da calore più alto di quello che avevano avuto il giorno prima, e più alto di quello delle donne che, invece, risultavano più forti nella resistenza.

 

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare