Parto in acqua

“Farlo in acqua” è meglio

Categorie: News

Il parto in acqua è una pratica sempre più comune, un metodo naturale che ha molti vantaggi sia per la donna che per il bambino.

 

Sono sempre più le donne che scelgono di partorire di in acqua, un modo di affrontare la nascita del piccolo che si è dimostrato particolarmente utile sia per la gestante che per il bambino. Come funziona? Possono sceglierlo quasi tutte le donne, a patto che non si tratti di una gravidanza non a rischio. Ovviamente sta all’ospedale mettere a disposizione della partoriente una vasca realizzata ad hoc, in questo senso i migliori ospedali (e cliniche) sono tutti attrezzati per poter garantire questo tipo di parto.

Come si procede

Nel parto in acqua, esattamente come in quello tradizionale, con la donna ci sono sempre sia il ginecologo che l’ostetrica. La partoriente viene fatta entrare in acqua quando la dilatazione della cervice è all’incirca a 5 centimetri.  Diverse sono le posizioni che si possono assumere per favorire l’uscita del bambino; alcune donne si sentono a proprio agio accovacciate, altre preferiscono stare carponi, altre ancora stese sulla schiena. Va detto che può succedere, se il travaglio è troppo lento, che il ginecologo chieda alla partoriente di uscire dall’acqua, per poi rientrare al momento giusto.

Un timore ingiustificato

Alcune donne non valutano neanche questo tipo di parto per il timore, del tutto ingiustificato, che possa nuocere al nascituro. L’idea che non possa respirare subito dopo l’espulsione, per quanto assurda, è una nemica di questa tecnica che anzi è estremamente naturale. Diciamo anche che il piccolo, sino a quando, non esce dall’ambiente nel quale si è formato è stato per nove mesi, non ha il riflesso della respirazione, quindi non c’è alcun pericolo.

I benefici

Per quel che riguarda la mamma, i benefici di questo ti podi parto sono molti: minor dolore (l’acqua ha un effetto miorilassante e antidolorifico), tempi più brevi, minore possibilità di dover ricorrere al taglio che previene le lacerazioni vaginali o perianali. E poi c’è il vantaggio di un contatto immediato con il bambino, che viene subito appoggiato sulla pancia favorendo in entrambi il processo di accettazione. Anche per il nascituro il parto in acqua ha molti benefici, si riduce infatti lo stress della nascita e poi la temperatura dell’acqua evita che ci siano sbalzi di temperatura al momento della nascita. Infine, e non è cosa da poco, si ha una riduzione del rischio di infezioni polmonari.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare