Psicologia

Murphy, il cagnolino da reparto

Uno springer spaniel
Uno springer spaniel

È un dolcissimo  springer spaniel di nome Murphy e ha un compito speciale: aiutare i pazienti che devono sottoporsi a trattamenti in emergenza a ridurre lo stress e l’ansia. Già, il miglior amico dell’uomo, a quanto pare, è stato impiegato anche in ospedale. E i risultati dicono che lavora bene quanto i colleghi umani. Lo studio pubblicato sulla rivista Patient Experience Journal mette in luce che i pazienti che hanno trascorso 10 minuti proprio in compagnia del cagnolino hanno riferito di sentirsi più a proprio agio, felici e meno angosciati tra le mura ospedaliere.

LO STUDIO

La ricerca è stata condotta presso il Royal University Hospital di Saskatoon, nella provincia dello Saskatchewan, il primo dipartimento di emergenza del Paese a introdurre cani da terapia per migliorare l’esperienza dei pazienti in attesa di cure. «I reparti di emergenza sono luoghi frenetici e confusionari, la maggior parte delle persone in attesa di un trattamento si sente nervoso e l’attesa può aumentare il dolore, è risaputo che interagire con gli animali può aiutare a sentirsi calmi e rilassati. Il nostro studio – evidenzia Colleen Dell, che ha co-diretto lo studio – ha dimostrato proprio un notevole miglioramento nello stato d’animo dopo l’interazione con un cane da terapia».

CAPACE DI “ASCOLTARE”

I pazienti hanno incontrato Murphy da 10 a 30 minuti: si trattava di persone con disturbi cardiaci, fratture, problemi psichiatrici e dolore cronico, in totale 124, che hanno risposto a un questionario dichiarando che i loro livelli di angoscia diminuivano, a prescindere dalla durata della loro attesa. Il 60% di coloro che hanno ricevuto la sua visita lo ha accarezzato o coccolato. Un paziente gli ha fatto un massaggio e un altro ha lasciato che il cane gli mettesse la testa sul petto. Non solo: Murphy è risultato essere molto intuitivo rispetto ai bisogni emotivi della persona che incontrava: nel caso di una donna che era dovuta tornare in ospedale per il fallimento di una terapia e si sentiva senza speranza il cane è saltato sulle sue ginocchia e lì si è addormentato.

Pillole di Presa

Con il supporto di

Newsletter

Tieniti aggiornato sulle ultime notizie di prevenzione e salute
  • Acconsento alla raccolta e alla gestione dei miei dati in questo sito come descritto nella Privacy Policy