Lenti a contatto, perché 1 italiano su 3 ha timore di usarle

Lenti a contatto, perché 1 italiano su 3 ha timore di usarle

Categorie: Stili di vita
 

Perché molte persone con difetti della vista non riescono a portare le lenti a contatto? Lo ha chiesto Doxa-CooperVision a un campione di oltre 2000 italiani, scoprendo che tra le motivazioni più ricorrenti, oltre al timore legato all’utilizzo (il 30% teme di metterle e toglierle da solo) e la praticità degli occhiali (34%), si nasconde non aver mai considerato l’idea di portare le lenti (32%).

Solo al 20% di chi porta gli occhiali viene suggerito di provare le lenti a contatto, nonostante la ricerca confermi esista una predisposizione al passaggio alle lenti su consiglio di uno specialista per il 36% degli intervistati con occhiali.

Negli ultimi anni la tendenza si è spostata verso un utilizzo delle lenti giornaliere, ancora più pratiche. Non richiedono manutenzione – spiega Renzo Colombo, Professore di Ottica della Contattologia presso l’Università di Padova – ma piccoli e importanti accorgimenti. È fondamentale offrire assistenza fin dalla prima applicazione, sostenendo una scelta che cambia davvero le abitudini quotidiane, le stesse che c’erano quando non servivano gli occhiali”.

I risultati della ricerca Doxa-CooperVision confermano che chi usa le lenti (circa 1 su 4lo fa perché vede meglio, per migliorare l’aspetto estetico (40%) o perché ritiene siano più pratiche (49%).

Mi ritrovo spesso (e volentieri) a dover sfatare molte convinzioni e vecchi pregiudizi, cercando di tranquillizzare quanti sono ancora troppo preoccupati di rischio infezioni, arrossamenti e manutenzione continua. Notevoli anche i progressi in termini di tecnologia, basti pensare alle lenti in silicone idrogel giornaliere e alle evoluzioni degli ultimi 20 anni, con elevata performance e comfort che offrono un’elevata trasmissibilità all’ossigeno attraverso l’intero profilo della lente – continua Colombo – Inoltre, sono anche migliorati gli strumenti utili ad agevolare lavoro dell’ottico: uno studio clinico ha dimostrato quanto l’utilizzo di un’App riesca a ridurre al minimo i tempi di prova e applicazione delle lenti a contatto multifocali, a vantaggio di una maggiore disponibilità e fidelizzazione del cliente”.

Ad esempio l’App – sviluppata da Coopervisione con il nome di OptiExpertTM e disponibile su App Store, Google Play – nasce da una scelta accurata e intuitiva di parametri indispensabili per l’optometrista (es. versione digitale della scala di gradazione Efron, calcolatori multifocali e torici, profili dell’ossigeno, prememorizzazione delle immagini della condizione oculare del paziente, etc.). L’optometrista, oltre alla personale valutazione del paziente, ora ha uno strumento educativo in più, in grado si facilitare e perfezionare la scelta delle lenti, fino addirittura alla raccomandazione del prodotto più idoneo.

 

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare