Open Point a Scampia

Open Point, cresce la cultura della salute

Categorie: Prevenzione
 

SI chiamano Open Point e sono veri e propri “punti di contatto” con i cittadini, per una sanità più semplice e per favorire la diffusione della cultura della salute. Succede a Napoli, a Scampia, dove la ASL Napoli 1 Centro (grazie alla disponibilità dei locali concessi da EAV) ha voluto far sentire forte la propria presenza, anche se nei prossimi mesi gli Open Point saranno in molte stazioni e nei centri di maggiore afflusso della città.  Dal punto di vista normativo lo scopo degli Open Point è quello di rendere concreto quanto previsto dal “Piano triennale 2019-2021 di sviluppo e riqualificazione del Servizio Sanitario Campano” (Decreto Commissario ad acta Piano di rientro n°99/2018 e n°94/2019).

ORIENTAMENTO 

Tra i concetti essenziali, la centralità del paziente, la promozione della salute, l’orientamento dell’assistenza nella dimensione territoriale, il miglioramento della qualità dell’assistenza. Ed è per questo che nascono queste postazioni avanzate sociosanitarie integrate di prossimità, deputate appunto all’accoglienza e all’orientamento del cittadino per sviluppare una cultura di maggior conoscenza per la promozione della salute e per creare un collegamento ancor più diretto con i servizi dell’ASL Napoli 1 Centro. «L’obiettivo del mandato conferitomi dal Presidente De Luca – dice il direttore generale Ciro Verdoliva – è quello di rivoluzionare un’ASL che ha grandissime professionalità, ma che per tanti anni è stata abbandonata a se stessa ma ancor peggio, è stato mortificato l’eccellente lavoro svolto da tanti a causa di una mancanza assoluta di comunicazione e di contatto con gli utenti. La nostra rivoluzione è iniziata e i cittadini stanno dimostrando di essere più che felici di percepire la qualità dei nostri servizi ed imparare a conoscere le donne e gli uomini che sono al loro servizio. Alcuni esempi sono la presenza dell’ASL Napoli 1 Centro nelle strade cittadine con il poliambulatorio mobile per rafforzare concretamente le campagne di screening e per la prevenzione, maggiori orari di apertura dei Distretti Sanitari di base per screening e vaccinazioni (compreso il sabato mattina), strumenti informatici (app per prenotare visite). Ma non basta, dobbiamo anche rafforzare, o creare dove manca, una cultura della salute. Gli Open Point sono veri e propri punti di contatto, un modo in più che abbiamo per andare incontro ai nostri utenti, accendere la curiosità e aiutarli ad entrare in contatto con i servizi territoriali».

SCREENING E MOLTO ALTRO 

Gli Open Point servono a fornire informazioni (su screening, vaccinazioni, percorsi sanitari, cure domiciliari, accoglienza sociosanitaria, promozione di stili di vita salutari) in vari campi d’azione (famiglia, salute di genere, disabilità, dipendenze, bullismo, pari opportunità e molto altro). Ma servono anche a raccoglie i bisogni di salute dei cittadini così da permetterci di analizzare meglio la domanda ed organizzare un’offerta di servizi adeguati alle reali necessità. «Grazie a queste postazioni – conclude Verdoliva – creiamo dei punti di contatto tra ASL Napoli 1 Centro e il territorio, così da colmare i bisogni di una vasta area della popolazione altrimenti non toccata dalle informazioni sui servizi offerti e favorire un accesso corretto alle nostre strutture erogatrici di salute».

  • Share this on Linkedin
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare