E6B01FC5-FB0E-4D1B-9EBE-936596DF815C

Peperoncino: uso abituale dimezza rischio di morte per infarto e ictus

Categorie: Alimentazione
 

Il peperoncino usato abitualmente è in grado di ridurre il rischio di morte per infarto del 40% e per ictus di oltre il 60%. Basta usarlo in cucina circa 4 volte a settimana. Inoltre riduce del 23% il rischio di morte per qualunque causa rispetto a chi non ne fa uso abituale. A dirlo è uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology e coordinato dagli epidemiologi dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, l’Università dell’Insubria a Varese e il Cardiocentro Mediterraneo di Napoli.

Lo studio sul peperoncino

La ricerca ha analizzato le abitudini alimentari di 22.811 molisani il cui stato di salute è stato monitorato per un tempo medio di otto anni. Gli esperti hanno visto che usare il peperoncino 4 o più volte a settimana riduce il rischio di morte del 23%, una riduzione del rischio di morte per infarto del 40%, e una riduzione di oltre la metà del rischio di ictus.

Il primo autore del lavoro Marialaura Bonaccio, epidemiologa del Neuromed ha spiegato che la scoperta più interessante è che la protezione assicurata dal peperoncino è indipendente dal tipo di dieta adottata nel complesso. In altre parole qualunque sia lo stile alimentare (sano o meno sano), l’effetto protettivo del peperoncino è uguale per tutti.

Questo studio rappresenta un punto di partenza, ma serviranno nuovi studi, spiegano gli scienziati, per scoprire i meccanismi biochimici attraverso cui il peperoncino e altre piante agiscono.

   

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare