stenosi tracheale

Stenosi tracheale: le conseguenze di COVID-19 nei pazienti intubati

 

La stenosi tracheale è una conseguenza delle forme più gravi di COVID-19. Si tratta di un “restringimento” della trachea dovuto al formarsi di una fibrosi, una specie di cicatrice. Colpisce i pazienti che, in seguito a insufficienza respiratoria, vengono intubati o tracheostomizzati.

Stenosi tracheale: un aumento dei casi

“Generalmente questa complicanza si manifesta in 1 paziente su 1000 tra le persone ricoverate in Terapia Intensiva. Tuttavia da un anno, con l’aumento esponenziale dei pazienti intubati e/o tracheostomizzati a causa di COVID-19, il numero di casi è cresciuto in maniera visibile”, spiega il dottor Umberto Cariboni, chirurgo toracico, Capo Sezione Malattie Oncologiche Avanzate del Torace di Humanitas.

I sintomi della stenosi tracheale possono somigliare a quelli di alcune malattie respiratorie, per esempio l’asma, fatto che si ripercuote sull’immediatezza della diagnosi.
“Il paziente purtroppo spesso giunge alla nostra osservazione già in fase avanzata o acuta”, racconta il professor Giuseppe Mercante, otorinolaringoiatra di Humanitas. In un anno, l’ospedale ha assistito 20 pazienti con stenosi tracheale provenienti da vari ospedali e i casi sono in continuo aumento.

Il trattamento della stenosi tracheale

“A volte, con la dottoressa Caterina Giannitto, radiologa del Tracheal Team, ci avvaliamo della TC per creare ricostruzioni che ci aiutano a studiare al meglio la lesione in preparazione dell’intervento” – il dottor Cariboni racconta il lavoro in Humanitas. “Le procedure chirurgiche possono essere varie: alcuni pazienti sono stati curati con tecniche conservative, come le disostruzioni con il laser in broncoscopia rigida, altri invece vengono sottoposti a una resezione tracheale”.

Da circa due mesi l’ospedale, divenuto uno dei centri di riferimento per il trattamento della stenosi tracheale, ha avviato un progetto di ricerca con altri centri lombardi per studiare le cause soggettive o procedurali di questa grave complicanza, e aiutare sempre meglio i pazienti.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare