Colesterolo, si combatte con le noci

Colesterolo “cattivo”, si combatte anche con le noci

Redazione online
Categorie: News
 

Mezza tazza di noci, vale a dire una manciata, aiuta a contrastare il colesterolo cattivo. Quella che potrebbe sembrare una “news da rivista estiva” è invece la scoperta fatta grazie al “Walnuts and Healthy Aging”, un ampio studio randomizzato controllato durato due anni, condotto grazie alla collaborazione di università europee e statunitensi e pubblicato sulla rivista di punta dell’American Heart Association. L’obiettivo dello studio era individuare se il consumo regolare di noci contribuisse a un invecchiamento sano dalla dieta di una persona o dal luogo in cui vive, avesse effetti benefici sulle lipoproteine. La ricerca ha coinvolto 708 partecipanti di età compresa tra 63 e 79 anni (68% donne) che erano adulti sani e indipendenti residenti a Barcellona, Spagna, e Loma Linda, California. In particolare per quanti hanno livelli elevati di colesterolo nel sangue, la riduzione del colesterolo LDL dopo una dieta arricchita di noci può essere importante. Mangiare una manciata di noci ogni giorno è un modo semplice per promuovere la salute cardiovascolare. Molte persone sono preoccupate per l’aumento di peso indesiderato quando includono le noci nella loro dieta il nostro studio ha scoperto che i grassi sani nelle noci non hanno indotto i partecipanti ad aumentare di peso.

OMEGA-3

Le noci sono una ricca fonte di acidi grassi omega-3 (acido alfa-linolenico) e hanno dimostrato di avere un effetto benefico sul colesterolo noto come lipoproteico a bassa densità (LDL) riducendo il numero di particelle LDL totali e piccole particelle LDL negli anziani. «Studi precedenti hanno dimostrato che le noci sono associate a tassi più bassi di malattie cardiache. Uno dei motivi è che abbassano i livelli di colesterolo LDL, e ora abbiamo un altro motivo: migliorano la qualità delle particelle LDL», ha affermato il coautore dello studio Emilio Ros, direttore della Lipid Clinic presso il Servizio di Endocrinologia e Nutrizione dell’Ospedale Clinico di Barcellona in Spagna. I partecipanti sono stati divisi casualmente in due gruppi: intervento attivo e controllo.  Quelli assegnati al gruppo di intervento hanno aggiunto circa mezza tazza di noci alla loro normale dieta quotidiana, mentre i partecipanti al gruppo di controllo si sono astenuti dal mangiare noci. Dopo due anni, sono stati testati i livelli di colesterolo dei partecipanti e la concentrazione e la dimensione delle lipoproteine sono state analizzate mediante spettroscopia di risonanza magnetica nucleare. Questo test avanzato consente ai medici di identificare in modo più accurato le caratteristiche delle lipoproteine note per essere correlate al rischio di malattie cardiovascolari. Lo studio di due anni ha avuto un tasso di ritenzione del 90% (632 partecipanti hanno completato lo studio). Le analisi complete delle lipoproteine erano disponibili in 628. Tra i risultati chiave di tutti i partecipanti allo studio: a 2 anni, i partecipanti al gruppo delle noci avevano livelli di colesterolo LDL più bassi – in media di 4,3 mg/dL, e il colesterolo totale era abbassato in media di 8,5 mg/dL. Inoltre, il consumo giornaliero di noci ha ridotto il numero di particelle LDL totali del 4,3% e le particelle LDL piccole del 6,1%. Questi cambiamenti nella concentrazione e nella composizione delle particelle LDL sono associati a un minor rischio di malattie cardiovascolari.

LDL

Anche il colesterolo delle lipoproteine a densità intermedia (IDL) è diminuito. È noto che il colesterolo IDL è un precursore dell’LDL e si riferisce a una densità tra quella delle lipoproteine a bassa densità e quella a densità molto bassa. Nell’ultimo decennio, il colesterolo IDL è emerso come un importante fattore di rischio cardiovascolare lipidico indipendente dal colesterolo LDL. Le variazioni del colesterolo LDL nel gruppo delle noci differivano per sesso; negli uomini, il colesterolo LDL è diminuito del 7,9% e nelle donne del 2,6%. «Anche se non si tratta di un’enorme diminuzione del colesterolo LDL – ha detto Ros – è importante notare che all’inizio dello studio tutti i nostri partecipanti erano abbastanza sani, privi di importanti malattie non trasmissibili. Tuttavia, come previsto in una popolazione anziana, quasi il 50% dei partecipanti era in trattamento sia per l’ipertensione che per l’ipercolesterolemia. Grazie in parte al trattamento con statine nel 32%, i livelli medi di colesterolo di tutte le persone nel nostro studio erano normali».

  • Share this on Linkedin
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare