arsenico nell'acqua potabile

Arsenico dalle acque potabili: una felce lo elimina. Lo studio

Categorie: News
 

Una felce potrebbe pulire le acque potabili dall’arsenico (As): si tratta della specie Pteris Vittata. Questa pianta, coltivata in un sistema idroponico (cioè in assenza di suolo e con una somministrazione di sostanze nutritive disciolte in acqua), è al centro di un progetto per rimuovere l’As dalle acque del Pozzo Varano nel viterbese. Un sistema che potrebbe essere il prototipo di una tecnologia ecosostenibile a basso costo da utilizzare, in generale, per eliminare l’arsenico da tutte le acque potabili. Il progetto, finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Programma Operativo Regione Lazio, vede la compartecipazione di Istituto Superiore di Sanità, Università di Roma “La Sapienza” e Consiglio Nazionale della Ricerca (CNR-IBPM).

Perché la felce Pteris Vittata contro l’arsenico

La felce Pteris Vittata è un iperaccumulatore, capace cioè di assorbire e accumulare fino a 22.000 mg/Kg di arsenico dal suolo e quindi utilizzabile per trattare suoli contaminati dal metallo. Inoltre, la sua capacità di crescere in un sistema idroponico e di accumulare As quando coltivata in acqua contaminata è stata messa in luce da recenti studi.

Le finalità del progetto sono quelle di stabilire le condizioni ottimali di crescita delle felci per ridurre i tempi di assorbimento dell’As e, in linea con una strategia green, riutilizzare le piante per diversi cicli; mettere a punto una tecnica innovativa di Hyperspectral Imaging (HSI) per monitorare l’assorbimento del metallo e infine realizzare un sistema “bench scale” a vasca, ovvero un impianto in scala di laboratorio operante in ogni vasca, impiegato per test di fitodepurazione.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare