Suicidio assistito: malato ottiene il primo via libera in Italia

Suicidio assistito: paziente ottiene il primo via libera in Italia

 

Il comitato etico dell’Asl delle Marche (Asur) ha attestato che un uomo possiede i requisiti per l’accesso legale al suicidio assistito.  Si tratta del primo malato in Italia a ottenere il via libera al suicidio medicalmente assistito, dopo la sentenza ‘Cappato-Dj Fabo’ emessa dalla Corte Costituzionale. Il via libera è arrivato dopo due diffide legali all’Asur e l’aiuto offerto dall’ associazione Luca Coscioni.

“Il Comitato Etico  ha riscontrato che “Mario” (nome di fantasia) rientra nelle condizioni stabilite dalla Consulta per l’accesso al suicidio assistito, per la prima volta in Italia – scrive l’associazione. Restano da individuare ora le modalità di attuazione”. Mario dopo aver letto il parere ha commentato: “mi sento più leggero, mi sono svuotato di tutta la tensione accumulata in questi anni”.

L’uomo di 43 anni è paralizzato dalle spalle ai piedi da 11 anni a causa di un incidente stradale in auto. Ha chiesto da oltre un anno all’azienda ospedaliera locale che fossero verificate le sue condizioni di salute per poter accedere, legalmente in Italia, ad un farmaco letale per porre fine alle sue sofferenze. Questo l’inizio dell’iter previsto in applicazione della sentenza della Corte Costituzionale n. 242/2019 che indica le condizioni di non punibilità dell’aiuto al suicidio assistito. Dopo il diniego dell’Azienda Sanitaria Unica Regionale Marche (ASUR), una prima e una seconda decisione definitiva del Tribunale di Ancona, due diffide legali all’ASUR Marche, l’uomo ha finalmente ottenuto il parere del Comitato etico, che a seguito di verifica delle sue condizioni tramite un gruppo di medici specialisti nominati dall’ASUR Marche, ha confermato i requisiti per l’accesso legale al suicidio assistito.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare