Tumore al seno: a Torino un nuovo Centro per la cura

Tumore al seno: a Torino un nuovo Centro per la cura

Francesca Forzan
 

18 nuovi posti di Day Hospital, tecnologie nuovissime, design moderno, 80 mila euro di investimento, un team di professionisti al fianco di ogni donna dall’inizio alla fine del percorso terapeutico. E’ questo il nuovo Day Hospital Oncologico centralizzato della Breast Unit della città della salute di Torino inaugurato di recente nel capoluogo piemontese.
Qui verranno accolte tutte le pazienti che prima venivano seguite nelle tre diverse sedi di cura dedicate al tumore al seno e sempre qui verranno sottoposte sia alle terapie, sempre più specifiche e complesse, sia a diverse altre fasi e discipline di trattamento. Dalla diagnosi iniziale di carcinoma mammario fino al termine delle cure il Centro senologico si occuperà della presa in carico delle pazienti garantendo loro assistenza completa in tutti gli aspetti, dalle esigenze fisiche a quelle psicologiche, grazie a personale esperto e specializzato che accompagna il malato in tutto il percorso della malattia.

Oggi la percentuale di donne che sopravvive ad una diagnosi di tumore dopo 5 anni dalla diagnosi è molto alta ed in particolare nel caso di tumori al seno dove la percentuale dei casi di donne che sopravvivono è dell’87%. Questo dato positivo ha tre ragioni fondamentali alla base: la sempre maggiore adesione alle campagne di prevenzione, alla nascita di centri sempre più specializzati, alla maggiore efficacia delle terapie. E questa percentuale potrebbe alzarsi ulteriormente adottando stili di vita corretta e aderendo a campagne di screening.
In Italia sono oltre 522 mila le donne che hanno un tumore al seno e 4000 sono i casi che ogni anno vengono diagnosticati, dei quali molti sono in Piemonte. I più frequenti tra le donne sono quello alla mammella, al colon retto, del polmone, della tiroide e quello del collo dell’utero. Il carcinoma alla mammella è in assoluto, il più diffuso.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un Commento