Dieta mediterranea, una donna mangia verdure

Depressione, la dieta mediterranea come antidoto. Lo dice il Cnr

Categorie: Alimentazione
 

Con la Dieta mediterranea si può migliorare la propria qualità di vita e allontanare il rischio di disabilità, dolore cronico e addirittura di depressione. La notizia non è legata al solito “sentito dire” paragonabile al detto “una mela al giorno”, si tratta invece di uno studio scientifico nato dalla collaborazione tra l’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (In-Cnr) e Nicola Veronese dell’Università di Padova. Un lavoro che ha preso in considerazione 4.470 americani con un’età media di 61 anni.

Un nuovo punto di vista

«È la prima volta che in uno studio di questo genere vengono prese a campione popolazioni con regimi dietetici lontani da quello mediterraneo e con una prevalenza di malattie cardiovascolari e metaboliche più elevata rispetto a quelle del Vecchio Continente», spiega Stefania Maggi della Sezione invecchiamento dell’In-Cnr. «L’aderenza alla Dieta mediterranea è stata valutata attraverso un’inchiesta dietetica sui cibi che erano stati consumati più frequentemente nell’ultimo anno, mentre qualità di vita e aspetti a questa collegati (tono dell’umore, disabilità, dolore) sono stati valutati con scale appropriate disponibili in questo studio».

I dati

I ricercatori hanno constatato che i soggetti che seguivano questo stile alimentare avevano una migliore qualità di vita: «In particolare una minore prevalenza di disabilità e depressione (circa il 30% in meno) – prosegue la ricercatrice dell’In-Cnr – i benefici che abbiamo osservato nei soggetti esaminati sono legati all’abbondante consumo di frutta, verdura, cereali, noci, olio d’oliva, alla moderata assunzione di vino, in particolare rosso, di pesce e pollo e a una bassa assunzione di uova e carni rosse; insomma, a uno stile alimentare riconducibile alla Dieta mediterranea. Un tipo di alimentazione che ha un ruolo anti-ossidante e anti-infiammatorio, con una conseguente ricaduta positiva sulla qualità di vita».

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Lascia un Commento