Genitori, non pubblicate foto dei vostri figli. Allarme pedopornografia

Bimbi prematuri: il rischio di malattie croniche da adulti. Colpa del sistema nervoso

 

Venire al mondo molto prematuramente può accrescere le probabilità di soffrire di malattie croniche da adulti. Ciò potrebbe essere legata a un ritardato sviluppo del sistema nervoso centrale. A dirlo è un recente studio svedese, secondo il quale gli adolescenti nati estremamente prematuri hanno molte più probabilità di avere problemi di salute cronici rispetto ai loro coetanei.

Nel complesso, il 64% dei prematuri nello studio ha avuto limitazioni funzionali, rispetto al 6% dei ragazzi a termine, come hanno scritto i ricercatori sulla rivista Pediatrics è diffusa da Reuters Healths.

“I bambini nati dopo 23-25 settimane di gestazione fanno registrare un aumento del rischio di problemi di salute cronici, quali handicap neurologico (per lo più lieve o moderato), asma e difficoltà comportamentali – spiega il co-autore del lavoro Aijaz Farooqi, ricercatore all’ospedale universitario di Umea in Svezia – In età scolare, molti bambini estremamente prematuri la cui intelligenza generale è normale o nel range basso di normalità hanno difficoltà motorie, problemi comportamentali, sociali e scarso rendimento scolastico”.
I medici ricercatori hanno studiato 134 ragazzini dai 10 ai 15 anni nati prematuri, confrontandoli 103 bambini con caratteristiche simili, ma nati dopo la 37° settimana di gestazione. Rispetto al gruppo di controllo, gli adolescenti nati prematuri hanno mostrato una probabilità 15 volte maggiore di avere gravi disabilità fisiche o mentali e cinque volte maggiore di richiedere ulteriori servizi medici o educativi rispetto al bisogno tipico dei bambini di quell’età.

I medici ricercatori hanno studiato 134 ragazzini dai 10 ai 15 anni nati prematuri, confrontandoli con 103 bambini con caratteristiche simili, ma nati dopo la 37ª settimana di gestazione. Rispetto al gruppo di controllo, gli adolescenti nati prematuri hanno mostrato una probabilità 15 volte maggiore di avere gravi disabilità fisiche o mentali  e cinque volte maggiore di richiedere ulteriori servizi medici educative rispetto al bisogno tipico dei bambini di quell’età.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un Commento