Sfida lo Stretto di Messina contro l’ictus: l’impresa di Alberto Sassoli

Le condizioni meteomarine dello Stretto di Messina erano davvero pessime, con venti di scirocco, forti correnti e gorghi improvvisi. “Da tempo non si vedeva un mare così difficile” – raccontano gli organizzatori e la gente del posto. Eppure, l’impresa di Alberto Sassoli, professionista e nuotatore genovese, e di altri 30 ardimentosi compagni di nuotata, si è compiuta, nonostante le difficoltà e la temperatura dell’acqua intorno ai 18 gradi.

Alla partenza sul litorale messinese informazioni sull’ictus e screening gratuiti organizzati da A.L.I.Ce Italia Onlus

 

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp