pazienti

Fare squadra al fianco dei malati oncologici

 

Garantire condizioni di vita migliori ai pazienti oncologici ma anche ai familiari che vivono con loro questo particolare e difficile momento della vita. E’ stato costituito a Milano con questo obiettivo il primo Intergruppo consiliare regionale per la tutela dei malati oncologici in Italia. La Lombardia, con oltre 654 mila persone vive a seguito di una diagnosi di tumore e con oltre 63 mila nuovi casi diagnosticati ogni anno, è la regione italiana che si trova a seguire e gestire il maggior numero di casi diagnostico-assistenziali per le malattie oncologiche ma anche quella più all’avanguardia nella ricerca, nell’assistenza e nella cura. L’obiettivo principale dell’Intergruppo, a cui prendono parte i consiglieri di tutti i partiti politici, è condividere e proporre nuove norme e regolamenti per migliorare l’assistenza dei malati di cancro raccogliendo proposte e istanze dalle associazioni dei malati, dai medici e dalle istituzioni coinvolte per portarle al Consiglio e alla Giunta regionale.

Questo nuovo organismo è stato fortemente voluto dall’associazione di pazienti oncologici Salute Donna Onlus che assieme ad altre dodici associazioni di pazienti, una Commissione Tecnico Scientifica e un Intergruppo di oltre 70 parlamentari, da tre anni lavora al progetto “La salute un bene da difendere, un diritto da promuovere”, per migliorare l’assistenza e la cura dei pazienti oncologici. Fin da subito, le prime attività che interesseranno l’Intergruppo consiliare saranno: la valutazione dei programmi di screening e delle attività di prevenzione svolte in tutto il territorio, la mappatura delle strutture oncologiche della Regione, la valutazione e l’applicazione su tutto il territorio regionale di percorsi diagnostico-terapeutici omogenei che garantiscano equo accesso ai trattamenti  e uguali diritti per tutti i pazienti nella presa in carico così da migliorare i livelli di assitenza e cura, soprattutto in quelle situazioni in cui si manifestino, come spesso accade, ritardi e disparità.

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Lascia un Commento