Vaccinazioni, un'infermiera prepara l'iniezione

A scuola tra vaccini e tamponi, i pediatri preparano la fase 3

Categorie: Bambini - News
 

Vaccini calo del 4% rispetto allo stesso periodo del 2019 a causa della pandemia. È un allarme chiaro quello dei pediatri di famiglia che iniziano a guardare con preoccupazione al rientro dalle vacanze e alla ripresa dell’attività scolastica. «I centri vaccinali – avverte Antonio D’Avino, vice presidente nazionale FIMP – hanno dovuto riconvertire i propri operatori, alcuni chiamati nei punti Covid, altri centri sono rimasti chiusi per un breve periodo perché interessati dai contagi. Per recuperare abbiamo 3 mesi, poi inizieranno le scuole». La proposta dei pediatri è quella di procedere con i vaccini ai propri assistiti, al fianco dell’Igiene pubblica, per tutte le vaccinazioni previste dal calendario nazionale. Un’azione che sarebbe certamente favorita dal rapporto di fiducia con le famiglie, possibile attraverso la chiamata attiva (grazie all’anagrafe vaccinale informatizzata della quale la Campania si è dotata).

DIAGNOSI DIFFERENZIALE

«Dobbiamo programmare la fase 3 prima che sia tardi – prosegue D’Avino – bisogna partire dai servizi sanitari al territorio. Al di là del triage telefonico e della valutazione dei sintomi quali tosse, febbre e dispnea, oggi sappiamo che altri possibili sintomi dell’infezione da SARS-CoV-2 sono la congestione nasale, la rinite, la congiuntivite e i disturbi gastrointestinali. Serve che sul territorio si possa realizzare una diagnosi differenziale immediata».Antonio D'Avino, vice presidente nazionale FIMPPer i pediatri la strada da seguire in vista della riapertura delle scuole è quella della vaccinazione antinfluenzale a tutti i bambini, di qualunque età, e l’obbligatorietà del tampone per l’ammissione in classe. «Un percorso che va programmato ora – ribadisce il vice presidente FIMP – per non correre il rischio di trovarci a ottobre con dosi di vaccino antinfluenzale insufficienti. Inoltre, la pediatria di famiglia deve avere la possibilità di prescrivere tamponi e soprattutto di avere una risposta in tempi rapidi. Nessun pediatra potrà mai riammettere un bambino a scuola se non avrà un tampone negativo dopo un’assenza per malattia che potrebbe essere collegata ad un’infezione da Covid-19». Di qui la richiesta di avviare in Regione un  un tavolo di lavoro per programmare la ripresa delle scuole con scelte condivise, nel pieno rispetto dei ruoli di tutti.

FARE PRESTO

Convinta che si debba intervenire presto, ascoltando l’allarme dei pediatri è la coordinatrice provinciale di Napoli di Italia Viva Barbara Preziosi. «Le prossime settimane saranno decisive per definire i fabbisogni di approvvigionamento di vaccini antinfluenzali – ribadisce – dobbiamo programmare ora una ripresa delle scuole che avvenga in sicurezza altrimenti con l’autunno i rischi saranno altissimi.Barbara Preziosi, coordinatrice provinciale di Napoli di Italia VivaFortunatamente la Campania è tra le poche Regioni d’Italia ad essersi dotata dell’anagrafe vaccinale informatizzata, questo consentirà di verificare le coperture e mettere al sicuro i più piccoli. Seguire le indicazioni dei pediatri ci consentirà di essere un modello virtuoso anche nella fase 3. Sprecare questi mesi sarebbe un grave errore bisogna invece fare in modo che il ritorno in classe non sia un problema». Per Preziosi «anche se le conoscenze sin qui acquisite sembrano dirci che i piccoli non sono particolarmente esposti alla polmonite interstiziale da coronavirus, non dobbiamo commettere l’errore di esporli al contagio e di trasformare migliaia di bambini in pericoli per genitori e nonni. Bisogna istituire subito un tavolo di lavoro che veda una partecipazione centrale dei medici pediatri»

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un commento

Per favore esegui il lLogin per commentare