Limoni per far riconoscere alle donne i primi segni del cancro al seno

Limoni per far riconoscere alle donne i primi segni del cancro al seno

Sofia Gorgoni
Categorie: Prevenzione
 

Come si individuano i sintomi del tumore al seno? Una designer americana ha trovato un modo immediato per spiegarlo alle donne, grazie a limoni.

I dati Istat dicono che in Italia il tumore della mammella è la neoplasia femminile più frequente e rappresenta la prima causa di morte, con 12,2 mila decessi, come riferisce anche il ministero della Salute.

Negli ultimi decenni le
diagnosi sono aumentate (circa 50mila nuovi casi), ma con un’alta riduzione della mortalità (circa l’1.3 per cento in meno annuo).

Con la diagnosi precoce, infatti, oggi vengono identificati un maggior numero di tumori già ai primi stadi di sviluppo, consentendo un trattamento tempestivo e meno invasivo.
Per quanto riguarda la prevenzione, nel biennio 2012-2013 si è passati da 5,1 a circa 5,3 milioni di donne italiane che hanno effettuato una mammografia.
Nel 2015 questo numero è cresciuto di un ulteriore 14 per cento.

Il tumore al seno colpisce in maniera pressoché trasversale, donne di tutte le età, al Nord più che al Sud. Nel corso della vita, una donna su otto corre il concreto rischio di essere colpita da questa malattia.

Corrine Beaumont è una giovane designer americana che dal 2003 porta avanti Know Your Lemons, una campagna di sensibilizzazione sui social network per l’autodiagnosi e per liberare il cancro dal tabù della malattia.
“Alcune pazienti non vogliono parlare del proprio seno e nemmeno guardarlo” ha commentato Corinne in un’intervista alla BBC.

LA designer ha perso entrambe le nonne per cancro al seno a 40 e 62 anni.
I limoni sono diventati la rappresentazione dei seni per mostrare quali sintomi del cancro alla mammella possono apparire ed essere riconosciuti.

“Spesso le donne usate in questo tipo di campagne non sembrano donne ordinarie – ha spiegato Beaumont – ma tutte invece possono comprendere queste immagini”.

 

 

pruomuoviamo salute

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Articoli correlati

Lascia un Commento