OMS: nel mondo 125 milioni di persone esposte all'amianto

Amianto: nel mondo 125 milioni di persone esposte. Allarme OMS

 

Circa 125 milioni di persone nel mondo sono esposte all’amianto sul posto di lavoro. Nel 2004, il cancro polmonare, il mesotelioma e l’asbestosi provocati dalle esposizioni hanno causato 107.000 morti e 1.523.000 anni di vita con disabilità.

L’OMS definisce l’amianto come un gruppo di minerali fibrosi naturali. Per le sue caratteristiche, tra cui la forte resistenza, è utilizzato per l’isolamento negli edifici e come ingrediente di un certo numero di prodotti, quali tegole per coperture, linee di alimentazione idrica e coperte per fuoco e frizioni e fodere, guarnizioni e pastiglie per automobili. Le principali forme di amianto sono crisotili (bianco) e crocidolite (blu). Altre forme includono l’amosite, l’anthophylite, tremolite e actinolite.

Tutte le forme di amianto sono cancerogene per gli esseri umani. L’esposizione provoca cancro del polmone, della laringe e delle ovaie e anche del mesotelioma (cancro pleurico e peritoneale), ma è anche responsabile di altre malattie come l’asbestosi (fibrosi dei polmoni) e le placche, l’ispessimento e l’effusione nella pleura.

Circa la metà delle morti da cancro professionale sarebbe causata da amianto, inoltre, diverse migliaia di decessi annualmente potrebbero dipendere dall’esposizione in casa.

È stato anche dimostrato che la coesposizione ai fumi del tabacco e alle fibre di amianto aumenta il rischio per il cancro ai polmoni: più è il fumo, maggiore è il rischio.
L’Oms ha da poco pubblicato una scheda informativa per l’eliminazione delle malattie correlate all’amianto. Dovrebbe avvenire interrompendo l’uso di tutti i tipi di amianto; sostituendolo con materiali più sicuri; adottando misure per prevenire l’esposizione all’amianto e durante la sua rimozione; migliorando la diagnosi precoce, il trattamento, la riabilitazione sociale e medica delle malattie legate ad esso e creando registri di persone con esposizioni passate e / o correnti.

La risoluzione 58.22 dell’Assemblea mondiale sulla prevenzione del cancro sollecita gli Stati membri a prestare particolare attenzione ai tumori per i quali l’esposizione evitabile è un fattore, compresa l’esposizione a sostanze chimiche sul luogo di lavoro e nell’ambiente.
Con la risoluzione 60.26, l’Assemblea mondiale della sanità ha chiesto all’OMS di svolgere una campagna globale per l’eliminazione delle malattie legate all’amianto “… tenendo conto di un approccio differenziato per regolare le sue varie forme – in linea con gli strumenti giuridici internazionali pertinenti e le ultime prove Per interventi efficaci … “.

Gli interventi a basso costo per la prevenzione delle malattie polmonari occupazionali dall’esposizione all’amianto sono tra le opzioni politiche per l’attuazione del ” Piano d’azione globale per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili ” (2013-2020), come approvato dalla sesta sesta Assemblea in risoluzione WHA66.10 nel 2013.

 

Promuoviamo salute

 

  • Share this on Linkedin
  • Share this on Google+
  • Share this on WhatsApp

Lascia un Commento